Amongst the tall trees of the southwest

=== ENGLISH (Italiano vedi sotto) ===

We left Margaret River and after a reasonably short drive we were in Pemberton, at the centre of three major national parks for Karri forest, the Gloucester National Park, Warren National Park, and the Beedelup National Park. We stayed the first night in Pemberton Caravan Park, a very nice caravan park with very friendly parrots. We didn’t buy any bird seed to feed them, but they were so used to being fed by guests that they hung out close to us anyway. I was very amused when one came and landed on Renzo’s shoulder as though they were old friends. Renzo, who has always been so afraid of birds that he will duck if one comes within 20 metres of him! But Renzo really seems to be warming to the colourful Australian parrots, and actually didn’t mind this one sitting on his shoulder (at least it wasn’t flying, he said). I was only sad I didn’t manage to get a photo before it flew away, although I got some photos of another parrot later on that landed on our camping table. I actually hope we will visit in Victoria (and am looking forward to see how Renzo will enjoy it), just before we come back to Canberra, a National Park where I went a lot as a kid where we used to put bird seed in our hands and get absolutely covered in parrots … not sure at all if it is still the same but I’m looking forward to see! We ate REALLY good barbecued sausages for dinner, from the little butcher’s in Pemberton. If you’re ever in the area, go there – they were the best sausages ever! The other nice thing about this caravan park for us (maybe not for other people since they can be a bit of a pest) was that we saw our first possums of the trip – a mother and her baby in the tree just by our tent, by torchlight.

The next morning it was time for a big and tall challenge – the Gloucester Tree. These are trees that were once used as fire lookouts (some still are); they have a ladder of sorts made of iron spokes hammered into the tree in a spiral – all the way to the top, in the case of the Gloucester Tree that is 60-something metres from the ground! I climbed one of these trees when I was fifteen (I don’t remember which one) and they were still the same – somewhat surprisingly there has not been some safety system with climbing harnesses introduced in the meantime. You climb at your own risk, with your heart in your mouth! Actually before we climbed the tree, we did the 10 km Gloucester Route walk through old growth and mixed old and new growth forest. It was really majestic and it’s hard not to take a photo of every amazingly tall tree you find (even though they all look pretty much the same later). The forest there is mostly karri trees, I think, but there are also marri trees (not as tall but with “pretty leaves”), jarrah trees and I thought some tingle trees, since they were hollowed out at the bottom, but I could be wrong. A nice thing about the Gloucester walk was that at about halfway you could exit the forest to a lavender and berry farm, where you can sit amongst the most beautiful gardens and have a iced coffee and/or scone. We saw a small bandicoot-like mammal there that I’ve never seen before, we think it might have been a quenda, and there were plenty of birds visiting, trying to steal bits of our afternoon tea! We were excited to be visited by a splendid fairy wren, so that we could take a good photo of him – usually they flit about so quickly it’s impossible (he’s the blue one in the photos)!

Then we walked back to the Gloucester Tree and climbed it. I think if the first stop had not been the top of the tree, I would not have made it – it would give me too much time to think about what I was doing. You just have to look at the next rung of the ladder and not look down! The view from the top out over the surrounding forest is amazing, and it’s something unique to look at the trunk of a living tree and know that it’s the one thing supporting you and the tower structure you are in! The scariest bit though, in my opinion, is to make yourself leave the safety of the observation platform at the top and put yourself back on the spiral ladder. I had the camera with me on the way down and I forced myself to stop and take a picture downwards! Step by step then, and we were back on solid ground again! It was really very exhilarating, makes it for me amongst the best highlights of our trip, and I was even doing it for the second time in my life!

We then went to camp in Warren National Park, at a very nice camping area amongst karri trees near the Warren River, along a dirt track called the Heartbreak Trail. It’s very peaceful there, and the resident kookaburras were very curious about us and seemed always to be watching what we were doing. They also sang, or “laughed”, a lot, so great to hear a group of kookaburras laughing all together, out of nowhere, in the dusk. The following day we wanted to do a 10km trail in that area, Karri forest that has never been touched, but I had got a little bit sick with a cold so the following day we fetched some medicine from the pharmacy in Pemberton and then hung out in the sun instead, enjoying the campground, hoping I would feel better by the next day so we could go walking. The next morning, we woke up to the sound of heavy pelting rain on our tent, and I was not feeling any better either – walking was not an option. We also didn’t want to leave the area without climbing the other two trees, nor dismantle our tent, which was so dry inside, in that pouring rain, so we decided to stick around yet another day. We drove into Pemberton again, then went south to Northcliffe to check it out, then we went to see the D’Entrecasteaux National Park on the coast, where it was not raining and it was really very nice too, with lots of flowers right up to the cliffs over the southern ocean. Renzo did a little walk along the cliff-tops – I was still sick (the cold was giving me problems with my asthma as well) – so I met Renzo with the car at the other end :-).

The next few days for me were still the same story – I was still sick, and it wouldn’t stop raining! We took advantage of a little sun to dry and pack up our tent, and we left Warren National Park without doing the walk we wanted to. We went to the bicentennial tree though (75m tall), which Renzo climbed to the top! I only managed it to the first rest stop, 25m up the tree, though the view from there was also very nice. From there we went to the Diamond Tree, a 50-something metre tree, which however looked more scary to me than the others since the last 10m or so to the platform were simply a vertical ladder, the spokes not even attached to the tree! I didn’t even try to climb it, I was panicking enough on the ground just watching Renzo climb the last vertical part, but he did it! He climbed all three trees, my brave boyfriend!!

From there we drove to Walpole, where the next morning we did the Treetop Walk amongst the Tingle Trees. These trees are famous not for being tall like the Karri trees but for being large – the “Giant Tingle Tree” that we saw on our way to the Treetop Walk had a circumference of 24 metres! They are often hollowed out at the base from bushfires, so you can walk inside them and get the idea of how big they really are. They have had to be protected, because apparently their roots are really shallow so even from people walking around outside them can damage their root system so much that they will fall. This is apparently what happened to one famous tree where, in the seventies, tourists would take photos with their car parked inside the tree. Now they have boardwalks around the largest trees and things like the Treetop Walk, where you can appreciate the forest from 40m above the ground. I really enjoyed it (actually more than the Treetop Walk, the one on the ground past many Tingle Trees), these trees are amazing too, with all their knots and burls they look like they belong in a fairytale forest and might come alive when you’re not looking :-).

After that we it was time to leave, with a little regret, the great forests of the southwest, heading through picturesque countryside to Denmark, and then on to Albany. We are gearing up to cross the Nullarbor Plain – though first we will stop in Esperance, which we will tell you about in our next post!

PS: we just got to the internet here in Esperance to hear some wonderful news: our friends Marghe & Giovanni have just welcomed a beautiful baby girl into the world. Congratulations Marghe & Giovanni and welcome little Teresa!!

=== ITALIANO ===

Lasciamo Margaret River quando il maltempo sembra essersene ormai andato, e con una breve tappa di circa un centinaio di km entriamo a Pemberton, una piccola cittadina che sorge in mezzo a colline verdissime e tre parchi nazionali, Beedulup Warren e Gloucester. Questi parchi nazionali contengono e proteggono tratti di foresta vergine, con alberi che raggiungono i 90 metri di altezza; sono i famosi alberi karri del WA, meastosi, altissimi e dal tronco grigio e incredibilmente slanciato e ritto. Quando ci si ferma sotto uno di questi pilastri si ha lo sguardo guidato verso l’alto dal fusto privo di rami fino all’ultimo terzo circa della sua altezza.

Arriviamo a Pemberton nel mezzo del pomeriggio e dopo la consueta visita al centro informazioni ci rifugiamo nel caravn park, dove un gruppo di volatili insolitamente amichevoli si dimostra subito interessato alle nostre attività: niente di che, montare la tenda e fare una doccia. Ma poi ci rendiamo conto che alcuni pappagalli sono soliti venire nutriti con semi dalle persone, e quindi si aspettano che tutti lo facciano. Ecco perchè ci sono cartelli in ogni dove nei parchi nazionali che invitano a non dare da mangiare agli animali, se no oltre ad ammalarsi possono diventare sfacciati, finanche aggressivi. Siamo tranquillamente seduti a leggere depliant e brochures delle attività che si possono fare nella Karri forest, quando un pappagallo atterra sul tavolo di fronte; ehi, è bellissimo e coloratissimo, bello finchè se ne resta a debita distanza. Dopo di che è un attimo, il simpaticone decide di venirsi a posare sulla mia spalla senza che io abbia fatto niente di particolare per invitarlo; sono immobile, non so cosa fare, un brivido scorre lungo la schiena J… questo se ne resta lì e non da segno di volermi lasciare; l’evento è cosi eccezionale che chiedo a Katie di prendere la macchina fotografica per immortalare l’evento, ma l’amico fa il prezioso e vola via. Che benvenuto! Un’altra fortuna che ci capita a Pemberton è di trovare un macellaio che vende carne buonissima a prezzo bassissimo; ne approfitteremo parecchio nei giorni a venire, anche perchè quì ogni dove vai c’è un barbecue per arrostirti due salsicce.

La nostra esperienza della Karri forest inizia il giorno dopo, con una breve camminata nel cuore di Pemberton, dove in una piccola porzione di foresta sono stati ricavati sentieri e percorsi per la mountain bike, e il Gloucester National Park. Questo parco ha un interessante mix di alberi vecchi e nuovi che possono essere facilmente individuati: il Karri è un albero altamente competitivo, ha bisogno di parecchia (ma parecchia) acqua per sopravvivere, il che rende difficile vedere due fusti di 90 metri molto vicini l’uno all’altro. Quando gli alberi sono vicini tra loro sono ancora giovani, e la lotta per la crescita e sopravvivenza non ha ancora deciso a chi assegnare l’onore e l’onere. Facciamo una bella camminata su un sentiero ad anello ben tracciato di 10 km, di cui poche centinaia di metri sono condivise con il Bibbulmun Track, un sentiero che si sviluppa per più di 1000 km (!!) e che parte dalle colline intorno a Perth e finisce ad Albany, sulla costa meridionale dell’oceano. Il nostro sentiero ci richiede un po’ di sforzo visto che è tutto un sali scendi; a circa metà strada ci fermiamo pure in una Berry & Lavanda Farm, dove producono e commercializzano prodotti a base di frutti di bosco e lavanda. Il tutto ha una location spettacolare in riva al fiume, e i colori della primavera fanno il resto; piccola sosta con massiccia iniezione di zuccheri, e si riprende il cammino per finire l’anello e goderci l’attrazione principale del parco: il Gloucester Tree, un albero Karri che si può arrampicare fino alla sua cima, 65 metri dal suolo!

Queste foreste sono molto preziose e allo stesso tempo fragili, per cui negli anni passati hanno dovuto risolvere il problema della prevenzione e avvistamento degli incendi boschivi, che quì possono essere davvero distruttivi. Ma non era facile avere un controllo efficacie di km e km di territorio, in una zona dalla bassa densità di popolazione e alberi alti fino a 90m a ostruire la vista. A questo punto qualcuno ha proposto di usare gli alberi, che sa intralcio sono diventati strumenti sonda. Hanno infatti adibito alcuni alberi a torri vedetta, cosi che uno si potesse arrampicare sulla cima e osservare intorno se un incendio divampava. Ora, di questi alberi ne sono rimasti solo tre su cui è possibile salire, e l’ascesa è un esperienza unica; mentre scrivo mi vengono ancora in mente certe sensazioni che ho provato salendo, la vista che ti si annebbia quando provi a guardare in basso, le gambe che improvvisamente incominciano a tremare, il flusso di adrenalina in corpo quando ti accorgi che ce la puoi fare. So che molte persone ogni anno salgono questi tronchi mastodontici, ma la mia più grande preoccupazione erano le vertigini, di cui mi ricordo che soffro particolarmente alle medie altezze (per chiarirci, non al primo piano di un palazzo e neanche in volo su un aereo di linea). Quindi sono rimasto parecchio sorpreso durante la mia ascesa di non soffrire di vertigini quando guardavo di sotto.

Abbiamo detto che il Gloucester Tree è stato il primo che abbiamo arrampicato. L’acesa si compie salendo delle barre di ferro conficcate nel tronco dell’albero, barre che salgono a elica intorno al tronco e che ti fanno guadagnare circa mezzo metro ad ogni passo. Con due mani ti tieni ad una, con le gambe sali quella sottostante. Il tutto sembra un gioco da ragazzi, ma c’è un piccolo particolare: non ci sono protezioni di alcun tipo! Non c’è una corda a cui ti assicuri in caso che una mano o un piede ti scivoli via, e la cosa mi ha alquanto stupito; non penso che in molti posti al mondo permettano, o addirittura pubblicizzano come attrazione turistica, una cosa come questa. Una coppia proveniente dal South Australia ci ha dato conferma di questo dubbio, dicendo che solo in WA puoi fare una roba del genere; apparentemente il WA ha regolamenti molto più permissivi  e meno severi degli altri posti. Decidiamo di salire comunque, e accorgerci delle difficoltà durante l’ascesa; la salita è adrenalinica, anche se arrivati in cima sento un po’ di disturbo dell’altezza, ma niente che mi impedisca di rendermi conto del posto in cui sono e di godere di una vista eccezionale sullla foresta e i pascoli  che vediamo tutto intorno. Anche la discesa richiede molta concentrazione, ma tutto scorre liscio e rimetto i piedi in terra con un sospiro di sollievo, ma anche con la voglia di farlo un’altra volta. Durante l’acesa mi sono fermato diverse volte a guardare sia sopra che sotto che davanti a me nel fitto dei rami, cercando di imprimermi nella mente le immagini di quello che vedevo; è stato entusiasmante!

Alla fine della giornata ci ritiriamo nel campeggio all’interno del Warren National Park, una perla. Tutto intorno è foresta di Karri vergine, e il campeggio è quasi in riva al fiume Warren  che scorre silenzioso nel mezzo del parco. Per raggiungere il posto, dobbiamo guidare l’heartbrake trail, un percorso sterrato con grandi pendenze che si snoda e si avvita nel mezzo del parco e che da delle viste eccezionali sulla foresta. Il suo nome, heartbrake (spaccacuore), da l’idea dello sforzo fatto per costruire questa strada sterrata, che doveva funzionare come via sempre contro gli incendi. Anche il posto dove campeggiamo è davvero piacevole; c’è un kookaburra che viene a controllare ogni poche ore come andiamo, ed è davvero un bellissimo esemplare dal colore giallo marrone, come non ne abbiamo visti finora. Rimaniamo in campeggio nel Warren national park per tre notti. Il secondo giorno ci godiamo una giornata di sole nella foresta senza far niente di particolare: lettura, scrittura, e i coloni di Catan (gioco). Purtroppo la pioggia ci sorprende la mattina del terzo giorno, e ci costringe a rimanere abbastanza nullafacenti, finchè decidiamo di prendere la macchina e in questo tempo miserabile andare a vedere il Parco Nazionale D’Entrecasteaux, un parco sconfinato che si estende per parecchi km lungo la costa meridionale del WA. Non è davvero il posto più memorabile che abbiamo incontrato sul nostro cammino, ma ha delle belle viste della costa a strapiombo sul mare che con la nebbia, la pioggia che nel frattempo si era attenuata e il freddo hanno un certo fascino.

Ma è il giorno seguente che ci regala ancora grandi emozioni. Ci sono ancora due alberi da salire. Il Dave Evance Bicentennial Tree (75 metri, il più alto punto vedetta al mondo nella sua categoria) e il Diamond Tree, a soli 52 metri di altezza. Ognuno di questi due è unico e regala una grande gioia una volta che si è salito. Il bicentennial Tree è alto, davvero alto! Quando ci arriviamo a mezza mattinata ci accorgiamo che c’è un po’ di vento, condizione non del tutto ideale; quando parcheggiamo la macchina e guardo alla cabina montata sulla sua cima, la vedo oscillare sensibilmente nel vento, oscillazione che potrà essere stata tranquillamente di mezzo metro, e che ti fa passare la voglia di salire. Inoltre nei due giorni precedenti ha piovuto parecchio, e le barre di ferro che formano gli scalini potrebbero essere ancora umide e scivolose. Ci sono stati cinque minuti in cui era più no che si; oltre alle condizioni sopra descritte, l’altezza dell’albero è davvero impressionante e mette un po’ in soggezione. Ma poi mi son detto ‘’Dai, sei qui ora e forse mai più. Vai!“, e sono andato! Katie purtroppo era un po‘ malata, per cui è salita fino alla piattaforma di riposo a circa metà salita. A metà salita mi sentivo bene, particolarmente felice di essere in quel posto e in quel momento. La salita mi è sembrata tranquillla, e sono arrivato alla seconda piattaforma in un tempo abbastanza breve; da lì, ci sono altre tre piattaforme che sono piani della stessa cabina, connessi da scalette a pioli. In questa sezione si ha la senzazione di essere più protetti, non si può cadere all’esterno della cabina a meno che ci si butti fuori, e la vista è davvero bellissima, l’impulso di continuare a salire è grande, la soddisfazione quando si arriva al top è grandiosa: troppo bello! Registro un breve video con la mia macchina fotografica per immortalare il momento, e quasi non voglio scendere; il vento non è cessato, la cabina oscilla ancora in modo sinistro, ma per goderti il momento devi poter sederti e respirare a pieni polmoni. E prenderti il tuo tempo. La discesa, con gli occhi spesso guidati verso il suolo, è lunga e piacevole, e la soddisfazione anche. Dopo il Bicentennial Tree guidiamo sulla Karri Forest Explorer, un percorso a tratti sterrato di circa 45 km che ti porta in mezzo a tratti di foresta per farti ammirare un po’ di natura, nel caso non ne avessimo vista abbastanza. A metà del percorso però lasciamo la Karri forest explorer drive per dirigerci verso il terzo albero da scalare, il Diamond Tree. Questo albero è significativamente più basso, solo (?) 52 metri di altezza, ma con un particolare unico che lo contraddistingue. Per accedere alla cabina di osservazione, dopo la solita salita sulle solite barre di ferro, bisogna salire una scaletta che non è attaccata al tronco dell’albero, ma solo a dei fili di ferro connessi all’ultima barra e alla pedana della cabina soprastante. È l’unico pezzo in cui non sei a contatto con il tronco, e la scaletta a pioli è abbastanza leggera per cui oltre ad oscillare si piega anche sotto il mio peso. Quando ci sono arrivato davanti mi sono fermato colto dalla sorpresa, ma poi sono andato avanti senza troppi drammi, raggiungendo la base della cabina a due piani; il secondo piano è chiuso a chiave perchè è ancora operativo (l’unico), e un ranger tiene d’occhio la foresta da questo punto di osservazione privilegiato (anche se quando sono salito io non era lì).

Bene, questo era l’ultimo albero da arrampicare, un modo unico per fare esperienza di                 questi colossi di legno, conoscere quanto sono preziosi per l’ecosistema locale e apprezzarne l’importanza e la bellezza. È stato proprio emozionante! Dal Diamond Tree ci spostiamo a Sud, presso Walpole, e l’attrazione del posto conosciuta in tutta l’Australia e pure oltreoceano: la Tree top Walk, la passeggiata tra le cime degli alberi. Per raggiungere il posto decidiamo di prendere una strada secondaria che passa ancora in mezzo alla foresta, e che ci permette di ammirare un gruppo di Tingle Trees, alberi dal fusto enorme e massiccio, famosi per avere una cavità alla base il che li rende alquanto singolari e interessanti. Non possiamo esimerci dallo scattare numerose fotografie con noi in posizioni esileranti all’interno del tronco dell’albero e imparare della loro incredibile (vista la stazza) fragilità: tingle trees sono caduti perchè la gente ci camminava vicino per troppo tempo. Le radici infatti si sviluppano molto vicino alla superficie, e il camminarci sopra per anni le danneggia e porta alla morte e caduta dell’albero. Per questo motivo tutto intorno a questi alberi si sviluppano delle passerelle dove si può camminare senza causare danni. Lasciamo i tingle trees e ci dirigiamo alla tree top walk. Per lo stesso motivo che ho già descritto, e cioè preservare la salute degli alberi, negli anni 90 in questa foresta hanno costruito una passerella alta 40 metri che permette ai visitatori di ammirare gli alberi in tutta la loro magnificenza senza distruggerne l’integrità. Ed in effetti la struttura è impressionante, un ponteggio di circa 500 metri che sale e scende gentilmente, fino a raggiungere il top nel mezzo del verde; è un’attrazione che qualsiasi visitatore del sud ovest del WA vuole vedere, ma in effetti non aggiunge molto alle emozioni già provate sui tre alberi che ho descritto in precedenza. È singolare, certo, e soprattutto ti fa tremare un po’ perchè tutti i ponteggi oscillano sotto il peso dei passi: a noi è capitato di camminare sincronizzati, e le perturbazioni delle nostre camminate si sono sommate a creare un movimento ascensionale della passerella che ci ha fatto attaccare al corrimano: sei sempre a 40 metri dal suolo, non è un saltino. Di fianco alla tree top walk un’altra passerella, questa volta ancorata a terra, ci porta a scoprire l’antico impero, un gruppo di tingle trees particolarmente vecchio e dalle formazioni uniche. Ci sono tronchi nelle cui spaccature ci potresti posteggiare una macchina, altri che formano una specie di tunnel in cui è divertente passare attraverso. Il tutto è un’interessante novità per me, ed è con rammarico che lasciamo la regione del sud ovest del WA, e le foreste di Karri e tingle trees, per dirigerci a Est verso Denmark (pausa pranzo a Fish and Chips, pesce e patatine) e Albany dove rinnoviamo il nostro pass per i parchi nazionali del WA per poter poi visitare il resto lungo la via che da Albany ci porterà all’ultima città in cui faremo tappa nel WA, Esperance. Ma questa è un’altra storia, e ve ne racconteremo nel prossimo post.

 PS: abbiamo appena ricevuto la favolosa notizia che i nostri amici Margherita e Giovanni hanno appena dato il benvenuto a questo mondo alla loro piccola Teresa. Congratulazioni ragazzi, e buon tutto!

Advertisements

Leave a comment

Filed under Uncategorized

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s